Skip to content

La multidisciplinarietà del perfusionista: polivalenza a servizio del paziente

A Roma un evento FAD per raccontare il valore di questa professione sanitaria

Si è tenuto il 19 giugno 2021 presso il Palazzo dell’Informazione di Roma, sede di Adnkronos, il webinar “Sviluppo multisciplinare della professionalità del tecnico di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare”. Evento FAD organizzato da Noema Congressi con il supporto non condizionante di EPS Spa, azienda del Gruppo GADA.

Con più di 600 adesioni, l’evento ha raccontato, attraverso due sessioni scientifiche, la dimensione sempre più pluri specialistica del perfusionista, una figura in continua evoluzione fondamentale non solo all’interno dell’equipe cardiochirurgica. Obiettivo dell’iniziativa, infatti, era quello di evidenziare la dimensione polivalente di questa professione sanitaria orientata a rivestire un ruolo importante nel supporto al trattamento transcatetere delle valvulopatie, nell’attività cardiac sonographer ed elettrofisiologia.

Prima degli anni 60 – afferma il dott. Giovanni Troise, Direttore dell’Unità Operativa di Cardiochirurgia di Fondazione Poliambulanza Brescia e responsabile scientifico dell’evento – quando non esisteva la circolazione extracorporea e quindi non esisteva il perfusionista, era impossibile operare al cuore, soprattutto era impossibile operare all’interno delle cavità cardiache e lestrutture valvolari. Diviene dunque semplice comprendere quanto sia fondamentale per la cardiochirurgia la figura del perfusionista. Ma ciò che abbiamo voluto comunicare con questo webinar è che tale professione trascende l’ambito prettamente cardiochirurgico indirizzando tale professionalità verso una dimensione multidisciplinare. I perfusionisti, infatti, lavorano spesso nella chirurgia del trapianto di polmone, cuore-polmone, fegato. Inoltre offrono le proprie competenze nell’attività cardiac sonographer, nell’elettrofisiologia. Un insieme di competenze che genera valore sia per le strutture ospedaliere in cui operano che per il paziente.

Il webinar si avvale dei patrocini di TSRM-PSTRP (Ordine Professionale), SICCH – Società Italiana di Chirurgia Cardiaca, AIAC – Associazione Italiana Aritmologia e Cardiostimolazione, SIECVI – Società Italiana Ecocardiografia e CardioVascular Imaging. A impreziosire la sua dimensione scientifica l’accreditamento ECM (4,5 crediti) riservato non solo ai tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, ma anche ai medici cardiochirurghi e medici cardiologi. È possibile accedere on demand alla FAD asincrona, disponibile sulla piattaforma ECM dedicata per la durata di 3 mesi (modalità di formazione comeda direttive Agenas).

Qui il link per iscriversi